La varietà dell’offerta dei servizi di Italian Van Lines riflette l’eterogeneità delle aziende del Network: il vantaggio della nostra rete è proprio quello di essere composta da imprese che possiedono specializzazioni diversificate, pur essendo appartenenti ad un unico settore di mercato, quello della logistica. La Newsletter IVL ci ha infatti descritto finora i progetti legati ai trasporti intermodali, ai traslochi nazionali ed internazionali di masserizie, arredamenti, biblioteche ed uffici, opere d’arte, analizzando anche aspetti più specifici come quello degli imballaggi, dello smaltimento dei rifiuti e raccolta del RAEE. In questo numero vogliamo invece entrare nell’ambito delle movimentazioni speciali.

Per farlo siamo tornati ad interpellare Nicola Fiore – responsabile per “F.lli Fiore S.r.l.” della business unit Fiore Logistica – che in uno scorso numero ci ha parlato dei trasporti intermodali e che ora potrà condividere con i lettori nuove nozioni tecniche e aneddoti su avvincenti progetti della sua azienda, riconosciuta da oltre 50 anni per qualità, serietà e professionalità, presente in Italia con due sedi strategiche su Bari e Milano ed operante nel settore dei traslochi nazionali ed internazionali. In particolare, negli anni ’90 Fiore Logistica avvia il trasporto vettoriale in groupage specializzandosi come operatore per il trasporto intermodale e navale, deposito merce e archiviazione, movimentazioni e introduzioni speciali, trasporti eccezionali, movimentazione e trasporto di opere d’arte, ponendosi al servizio di privati, enti pubblici e grandi realtà industriali.

2_ivl_fiore_panoramica

Per far fronte ai suoi progetti, Fiore Logistica può contare oggi su un team specializzato di ingegneri, gruisti, operatori per macchine di sollevamento, falegnami, imballatori, autisti e addetti al carico e scarico, oltre che su una sede, quella di Bari, estesa su una superficie coperta di 7.000 m2 e 40.000 m3 con un piazzale di più di 30.000 m2 con carroponti, ribalta coperta per 700 m2 munita di sponde idrauliche per facilitare il carico/scarico delle merci, carrelli di grandi portate per le movimentazioni dei carichi pesanti e voluminosi su piazzale, sorvegliato 24 ore su 24.

8_ivl_fiore_logistica_traslochi_movimentazioni_speciali_campusQuando Fiore Logistica è impegnata in progetti di movimentazioni speciali in esterna opera per mezzo di autogru di diversa portata, dimensioni e sbraccio e, quando necessario, si avvale anche del supporto di attrezzature fisse e di transpallet, carrelli elevatori e unità di carico come container e casse mobili. La scelta del mezzo più idoneo viene effettuata in base alla tipologia di lavoro da eseguire e alle caratteristiche strutturali dei luoghi in cui si deve operare, nonché in base al peso e alle dimensioni della merce da movimentare. Gli ambiti infrastrutturali sono svariati: si va dagli interventi in cantieri edili privati e statali – urbani ed extraurbani – alle introduzioni di macchinari speciali in edifici come ospedali, scuole, condomini, che possono necessitare, ad esempio, di nuove apparecchiature mediche per risonanza magnetica, robot, caldaie e boiler di grandi dimensioni, propulsori e turbine.

7_ivl_fiore_logistica_traslochi_autogru_movimentazioni_speciali_nautico2Coordinare le movimentazioni speciali è un compito assai complesso che richiede elevate responsabilità, dovendosi attenere a specifiche procedure e non potendo prescindere dall’adozione di particolari misure di sicurezza che impattano su tutto il ciclo di vita del progetto, dal carico al trasporto, dalla movimentazione allo scarico, fino alla collocazione finale. Quando si effettua un “tiro” è bene attenersi a regole basilari: coinvolgere solo maestranze del settore ben qualificate, ispezionare preventivamente tutte le apparecchiature e le aree di lavoro, controllare la stabilità del carico e accertarsi di poter operare con buona visibilità, indossare indumenti adeguati (ad es. elmetti di protezione, scarpe antinfortunistica, giubbotti protettivi e catarifrangenti, guanti ecc.), mantenere distanze di sicurezza ed operare a velocità non eccessive, evitando manovre brusche e rischiose. Sono queste solo alcune delle tante accortezze da prendere in progetti di questo tipo.

4_ivl_fiore_logistica_traslochi_autogru_movimentazioni_speciali_edicola2

Circa gli aspetti burocratici, fondamentale è il ruolo svolto dai referenti delle strutture per le quali si effettua il servizio che, assieme ai referenti istituzionali locali, supportano l’azienda operatrice nell’ottenimento delle autorizzazioni e nel coordinamento delle operazioni all’interno delle strutture stesse. Prezioso è altresì l’aiuto fornito dalle forze dell’ordine che spesso presidiano i luoghi e scortano i mezzi in caso di necessità lungo le vie di transito.

ivl_fiore_logistica_traslochi_autogru_movimentazioni_speciali_risonanza3

Una particolare case history che merita di essere raccontata in questa sede è la movimentazione speciale effettuata da Fiore Logistica per una nota clinica di Bari di prestigio internazionale, in cui, considerata l’esigenza di introdurre e installare di un nuovo macchinario per radiochirurgia cerebrale dal peso di circa 20 tonnellate, si è reso necessario l’utilizzo di un’autogru Grove GMK 6300 con capacità di sollevamento pari a 300 ton, altezza da terra di 120 mt e sbraccio di 80 mt, coadiuvata dall’utilizzo di apparecchiature fisse per poter accedere all’interno di una rampa molto ripida, particolarmente angolata e distante dal punto di appoggio del mezzo gruato.

ivl_fiore_logistica_traslochi_autogru_movimentazioni_speciali_risonanza5Il progetto, estremamente delicato e con non pochi rischi, si è svolto in più fasi: sopralluogo, studio ingegneristico per appurare la tipologia di mezzi ed equipaggiamenti ed il numero di risorse da impiegare, posizionamento dei mezzi, ricezione del magnete radioattivo – ma ben isolato – proveniente dal Canada con trasporto combinato via mare ed intermodale, con automezzo finale scortato dalle forze dell’ordine; dopodiché c’è stato lo svolgimento del progetto stesso con l’introduzione della nuova apparecchiatura, il suo collocamento all’interno dell’ospedale con l’aiuto di un robot specifico proveniente dalla Svezia, ed infine la fase di uscita dei mezzi dall’area interessata.

Si è trattato di un lavoro altamente sfidante che ha impiegato numerose risorse umane, riunendo maestranze dalle expertise diversificate, provenienti da più parti d’Italia e d’Europa. Per Fiore Logistica è stata sicuramente una grande soddisfazione aver potuto realizzare una simile impresa contribuendo a migliorare il servizio della clinica nei confronti dei propri pazienti.

Giungiamo al termine di questo articolo sottolineando come per Italian Van Lines, poter contare all’interno del proprio circuito aziende come Fiore Logistica significa avere la certezza di poter offrire dei servizi appartenenti ad un ventaglio ben ampio, a completamento di quello che è il core business del Network legato ai traslochi.